HOME   CHI SIAMO   EVENTI   DICONO DI NOI   GALLERIE   CONTATTI
Terra Ritrovata 2011
Che cos'è il progetto di sostegno della GVC PDF Stampa E-mail

Che cos'è il progetto  di sostegno della GVC

La storia: Nella notte del 12 gennaio, un terremoto di magnitudo 7.3 della scala Richter ha colpito Haiti, l’epicentro è stato localizzato a circa 15 km dalla capitale, Port-au-Prince con conseguenze devastanti: la maggior parte degli edifici pubblici e privati sono andati distrutti. Le cifre attuali riportano un numero di morti superiore a 200.000 persone ma nonostante siano passati diversi mesi, avere dati ufficiali risulta ancora molto difficile. Questo terremoto si abbatte su uno dei Paesi più poveri al Mondo: infatti, con 9,8 milioni di abitanti, un reddito pro capite annuo di 361 dollari, il 54% della popolazione vive con meno di 1 dollaro al giorno e il 78% con meno di 2 dollari.

Un delicato riequilibro di risorse: Il terremoto del 2010 ha prodotto, oltre ai danni materiali, un esodo interno delle famiglie dai centri urbani alle aree di montagna. Il motivo è semplice: in città le case, costruite in calcestruzzo, e le scuola, costruite in cemento, non hanno resistito e sono crollate. Sulle montagne invece le abitazioni sono generalmente fatte di legno, quindi più elastiche e hanno resistito meglio al sisma. Le zone che hanno accolto gli abitanti delle città non erano pronte ad affrontare tale esodo che ha

compromesso i precari equilibri della produzione di cibo; produzione che ancora non si scosta da quella per autoconsumo.

Il ritorno alla normalità: Il terremoto di gennaio ha aggravato una situazione già grave. Chi viveva nella povertà estrema, ci vive anche adesso, con l’aggravante di non avere più un tetto sulla testa. Ma l’impatto più pesante lo hanno subito quelle famiglie che, seppure con grossi sacrifici, prima riuscivano a sopravvivere con lavori saltuari, come piccole attività commerciali, e che adesso hanno perso tutto e si ritrovano a vivere ormai da mesi nei campi, dove la situazione-igienico sanitaria non smette di essere allarmante.  Una fra tutte, l'epidemia di colera che ha già fatto numerose vittime, causata dell'ingestione di cibo o acqua contaminata, un'infezione facilmente curabile qui da noi, ma che diventa spesso mortale nei Paesi in via di sviluppo, dove l'accesso a strutture sanitarie è un lusso che pochi si possono permettere.

Il progetto di sostegno alla regione di Petite Goave (una delle più colpite dal sisma): prevede una fase iniziale (gennaio-giugno 2011) di prima emergenza con la distribuzione di prodotti alimentari ed il miglioramento di accesso all'acqua e all'igiene pubblica, la riabilitazione di sorgenti, la costruzione di latrine e pozzi. Ad oggi, sono state già riabilitate

2 cisterne per la raccolta di acqua piovana e distribuite diverse tonnellate di alimenti . Nella 2°fase (giugno 2011-maggio 2012) l'obiettivo è quello di ripristinare il tessuto economico e sociale della regione, avviando la ricostruzione di scuole e siti produttivi.

Un obiettivo concreto: la nuova scuola primaria "Espoir pour Domain".

La prima parte del progetto è quello di ricostruire una nuova scuola primaria presso la comunità locale di Ravine-Parc, secondo moderni criteri antisismici internazionali, che preveda di accogliere fino a 240 bambini.

Il progetto prevede inoltre la costruzione di servizi igienici e di una cisterna per la raccolta d'acqua piovana per un costo approssimativo di circa 200.000 euro. La fine lavori per la costruzione della scuola primaria prevista per settembre 2011 è stata rispettata.

La seconda fase del progetto prevede:

  • attività di sensibilizzazione sui temi di prevenzione dei disastri ambientali e di igiene personale
  • la raccolta fondi per acquisti di equipaggiamento della scuola, di materiali scolastici e didattici
  • la realizzazione di un campo giochi
  • la distribuzione di kit scolastici

 

logo gvcGVC: NATI A BOLOGNA, CRESCIUTI NEL MONDO

Il GVC - Gruppo di Volontariato Civile - nasce a Bologna negli anni '70 da un gruppo di giovani - tra cui Tarcisio Arrighini, attuale responsabile GVC Brasile - che, nel 1968/69 dava il proprio contributo volontario all’UCSEI (Ufficio  Studenti Esteri in Italia), aiutando gli studenti stranieri a trovare alloggi a Bologna. L’impegno originario del GVC, prima di approdare alla Cooperazione Internazionale, prevede una lunga fase di mobilitazione a sostegno delle lotte di liberazione delle colonie portoghesi in Africa e dei grandi leaders indipendentisti africani e latinoamericani; si occupa della rivendicazione del diritto al servizio civile internazionale in sostituzione di quello militare, partecipa alle prime radio libere e funge da sede locale del Tribunale Russel per i diritti dei popoli. Nel 1972 il GVC è tra le primissime ONG italiane ad ottenere il riconoscimento di idoneità del Ministero degli Esteri italiano ed a beneficiare di cofinanziamenti per dare avvio ai primi due progetti di cooperazione allo sviluppo. I primi paesi con i quali il GVC passa dalla teoria alla pratica sono Brasile e Congo per poi passare alla Guinea-Bissau e Sao Tomé. Nel corso degli anni il GVC estende la propria azione in molti Paesi (oggi 29), rivolgendo, all’inizio, particolare attenzione a progetti sanitari e allargando progressivamente la sua azione a sempre più qualificati programmi di cooperazione e a molteplici settori d’intervento: da quello alimentare - nutrizionale, all’emergenza. Nel 1980 l’ingresso a Villa Aldini, attuale sede centrale del GVC a Bologna, segna il consolidamento di un percorso di sviluppo oltre a un’importante opera di sensibilizzazione sul territorio. L'attuale presidente Gianluca Borghi è al momento ad Haiti a coordinare i lavori di riabilitazione.

RIFERIMENTI: http://www.gvc-italia.org - http://www.agire.it/it/emergenzahaiti/interventihaiti/haitigvc.html - http://diariodahaiti-bologna.blogautore.repubblica.it/
Donatella Oldrini (Responsabile America Centrale e Caraibi GVC) - Via dell'Osservanza, 35/2, 40136 BO - tel. +39051585604 -   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Festa della Terra Ritrovata 2011 PDF Stampa E-mail

FESTA DELLA TERRA RITROVATA 2011

SABATO 1 e DOMENICA 2 OTTOBRE 2011
Edizione speciale PRO HAITI
Campagna di sostegno al progetto di cooperazione per la nuova scuola di  Petit- Goave (Haiti)

IL PROGRAMMA

Perché un'edizione speciale della festa della Terra Ritrovata?
Monteveglio adotta un progetto di solidarietà internazionale
Una festa per riscoprire la nostra terra,
Una festa per sostenere Haiti a ritrovare la sua terra
Una festa per pensare alla terra di tutti
ed agire nel nostro piccolo

Programma di sabato 1 Ottobre
appuntamento in piazza dalle ore 18

Una serata Haitiana, un sapore diverso
Stand gastronomico dalle ore 18.30 con degustazione di specialità haitiane
a cura delle associazioni ARGOT, Centro Sociale di Stiore, Streccapogn
Chiosco Bar Haitiano
l'happy hour dei Caraibi promosso dall'Associazione Dream Club
L’altra faccia dei caraibi
musiche, immagini, parole, testimonianze e racconti da Haiti
Tocchiamo con mano
I loro bisogni, la nuova scuola: come cominciare una relazione tra le nostre comunità
Ore 21.00 - collegamento con Haiti
Parleremo direttamente con i responsabili del GVC - Gruppo di Volontariato Civile - l'associazione non governativa di tramite con Petit Goave

Programma di domenica 2 Ottobre
gli utili netti della festa verranno devoluti al progetto di Cooperazione per la nuova scuola di Petit Goave
5° Vuotagranaio di Monteveglio
Mercati di scambio, baratto e riuso con area dedicata alle bancarelle dei bimbi
Al Contadin non far sapere...
Stand gastronomico dalle ore 12.30
con piatti semplici di una volta, della nostra terra e mercato dei produttori locali
Auto e Moto storiche
La cultura "ritrovata" del motore a scoppio promossa del Club Motoristico Valsamoggia
Scienziati per natura
Laboratori dedicati ai piccoli naturalisti a cura del Parco dell'Abbazia
Con le mani in pasta ed i piedi in vendemmia

Possibilità per tutti i bambini  e genitori di partecipare a tanti laboratori didattici

ed ancora Volontari... per Haiti
per tutta la giornata si susseguiranno momenti informativi sulla situazione haitiana: la storia, la cultura, la società, il lavoro e l’economia, la scuola…..

Tante iniziative promosse dalle Associazioni di Monteveglio a sostegno della Comunità haitiana tra cui:

Chiosco Bar Haitiano -  promosso dal Dream Club
Merenda a km. 0 - la merenda semplice di una volta offerta da Ascom e Commercianti
Primi Assaggi di una volta
- Vin Brulée offerto da Strade Pulite e
Caldarroste
offerte da Pro Loco

Salute - A partire dalle ore 8.00 infermieri professionisti controlleranno a tutti (se a digiuno): pressione-glicemia-colosterolo - AVIS e Ambulatorio Amico

Da scuola a scuola - anche il Comitato dei Genitori dell'Istituto comprensivo Bazzano-Monteveglio "si gemella" con la nuova scuola primaria di Petit Goave

Una torta per Haiti - l'asta delle torte "fatte in casa" promossa da AUSER

Musica d'oltre oceano - prove di ballo e sport organizzate dalla Polisportiva Monteveglio

 


Pro Loco Monteveglio - Associazione Turistica

Piazza Libertà 2 - 40050 - Monteveglio (Bo)

Tel 0516702711 - 051 6702731 - Fax 051 6702731

P.I. 00704181205